elvo

ELVO
?MEMORIA INVOLONTARIA?

Galleria Editrice Latina
Roma, Via Latina 41 a/b/c/d
dal 6 aprile al 13 aprile 2013

Inaugurazione sabato 23 febbraio ore 17.30
Orari di apertura: 9.00-13.00, 16.00-20.00 (tranne la domenica)

Sabato 6 aprile 2013 alle ore 18.00 si inaugurer? una personale dell?artista Elvo, dal titolo ?Memoria involontaria?, presso gli spazi espositivi della Galleria Editrice Latina in Roma.
L?artista presenta una serie di venti opere, riferite all?ultimo periodo del suo lungo percorso artistico.
Attivo artisticamente a Roma dagli anni ?70, Elvo partecipa a centinaia di esposizioni, personali e collettive, nazionali e internazionali, vincendo innumerevoli premi e riconoscimenti. Si impegna in tematiche sociali e fonda un movimento artistico ?Spazio alternativo? con il quale interviene a importanti mostre nel territorio nazionale. Pi? volte ?incrocia? il suo percorso artistico con nomi come Attardi, Guttuso, Cagli, Vedova, De Chirico e molti altri ancora.
Dal testo critico di presentazione di mostra della Critica d?Arte Fabrizia Ranelletti:
?Bandita la superficialit?, ogni opera di Elvo, scandaglia fondi, solca strati, dissotterra reliquie. Le reliquie sono quelle testimonianze imprescindibili dei grandi Maestri dell?arte figurativa, dall?antico al contemporaneo. Nello scavare segna e intreccia i piani sondati, dando ancora una possibilit? di esistenza laddove la memoria torna, tessendo una rete dinamica dal respiro ampio, talvolta affannoso.
Momenti di pausa e vuoti incedono nelle partiture cromatiche, ritmando composizioni ora liriche, ora drammatiche.
Il moto ? centrifugo, le linee vive fuggono oltre la limitatissima superficie pittorica, trascinandosi l?eco della loro musicalit?.
La riflessione artistica di Elvo ? uno campo aperto dove barlumi di ?non finito michelangiolesco? cercano il loro divenire, senza concluderlo, assaporando sospensioni dalle infinite ulteriori possibilit? di conclusione.
Il tumulto di segni, figurazioni e fasci di cromia e luce, generato da un?esplosione creativa, trova una nuova aggregazione, al punto tale che il tutto potrebbe essere un nuovo inizio d?opera per crearne un?altra, un?altra e un?altra ancora.
Ovunque le energie interiori si palesano, negli oggetti, nella natura, nelle figure e nei codici umani, con numerosi tentativi di razionalizzazione, in fondo il raziocinio ? inderogabile e la sua presenza ? la non negazione a tutti i costi di molta arte contemporanea; d?altronde la scelta stessa di non razionalizzare ? una razionalizzazione.
L?urgenza narrativa si ?spegne? cozzando con una meditazione/ sospensione/razionalizzazione, porgendo il fianco alla migliore armatura storico-artistica.
Elvo sente il bisogno di dividere gli spazi come il Medioevo faceva attraverso trittici o polittici con la loro predella sottostante. Queste appendici hanno il senso di rafforzare il messaggio artistico dell?opera, sintetizzando il contenuto con una maggiore fluidit? narrativa.
Ma lo spazio ? soltanto un supporto per la razionalizzazione, ? troppo ridotto, insufficiente e finito.
Lo spazio, per Elvo, deve essere ?non concluso?.

Per informazioni
Galleria Editrice Latina
Via Latina 41, 00179 Roma
Tel. 06 7045 2846 ? Fax 06 70452846
(lun-sab: 09.00-13.00, 16.00-20.00)
www.gallerilatina.it ? info@gallerialatina.it

Ufficio Stampa
Chiara de Angelis
3477057268
press@voceallarte.it

Foto della sala espositiva della mostra personale di Elvo Di Stefano

Personale di Elvo Di Stefano (ROMA)